• 19/09/2020
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Occhio nel buco della serratura
0 Comments

Immaginate di essere spiati per un mese dallo Stato, che minuto per minuto prende nota di dove vai, che posti frequenti, se vai in Chiesa oppure no, se frequenti un partito o movimento politico, e quale. In Spagna, per un totale di quattro settimane, è già la realtà per milioni di cittadini dotati di cellulare, quindi la stragrande maggioranza. Finiti nel mirino dell’occhio del Grande Fratello grazie all’Istituto nazionale di statistica, che farà una vera e propria radiografia degli spostamenti degli spagnoli sia nei giorni feriali che in quelli festivi.

Grande fratello di spagnaUn ente pubblico dunque ha pagato le tre grandi compagnie di telecomunicazioni che hanno in mano il mercato spagnolo per avere libero accesso ai dati degli utenti. E’ stato subito specificato, attingendo a piene mani dal mantra ufficiale dei vari social alla Facebook, che ‘naturalmente i dati non verranno utilizzati per altri scopi che non rispondono ad esigenze statistiche’. Oggi. Ma domani? Particolari del protocollo siglato con le compagnie telefoniche non sono neanche stati forniti.

L’unico modo per sottrarsi sarà quello di mettere il cellulare in modalità aereo; per un mese, s’intende. Sembra che qualcuno ci stia pensando anche in Italia, forse contando sulla medesima scarsa consapevolezza degli italiani sull’importanza dei loro dati personali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *