• 24/09/2020
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Andrea Crisanti: "Nuovi focolai in Italia"
0 Comments

Sono arrivati a quota 49 i casi di positività al Covid nel focolaio emerso nei quattro Palazzi ex Cirio di Mondragone, comune del litorale casertano da lunedì diventato zona rossa. Le persone infettate sono quasi tutte bulgare, tutte asintomatiche, arrivate in Italia per trovare lavoro soprattutto come braccianti nelle coltivazioni del Casertano e del Basso Lazio. Alcune di loro hanno fatto perdere le tracce. Ieri mattina un gruppo di questi braccianti ha cercato di forzare la zona rossa per andare a lavorare e, su invito del presidente campano De Luca, la ministra Lamorgese ha inviato un contingente dell’Esercito per monitorare la situazione. Altri focolai sono in corso a Genova, Bolzano e Como ma quello che preoccupa di più è in corso alla ditta Bartolini Corriere Espresso di Bologna. Sono risultati positivi almeno 64 tra dipendenti, collaboratori e familiari. Due i ricoverati.

“La malattia lo sappiamo si diffonde molto rapidamente e l’Italia rischia nuove chiusure”, è l’avvertimento del virologo Andrea Crisanti, il medico che ha spinto il Veneto al ricorso massiccio ai tamponi, contribuendo a far uscire l’intera regione da una situazione drammatica. “Chi non ha fatto il lockdown ha problemi: basta vedere la Svezia, oppure il Brasile, dove sta succedendo un disastro. E’ importante che le chiusure siano tempestive. La Germania, che ha avuto i problemi nei mattatoi, nel giro di tre giorni ha bloccato due distretti. Se pensiamo all’Italia, penso che nel complesso abbiamo agito bene sul lockdown. Per questo ora siamo in una situazione migliore di molti Paesi”.

Netta è la posizione del virologo anche riguardo i dubbi di alcuni scienziati circa la reale capacità dei soggetti asintomatici di trasmettere il virus: “Non capisco proprio come certi colleghi abbiano potuto fare affermazioni fuorvianti e non coerenti con le stesse direttive del ministero alla Sanità: si sono presi una grave responsabilità. Eppoi, visto che i sintomatici sono sempre meno, qualcuno mi può spiegare da dove originano tutti questi nuovi contagi? Cadono dal cielo?”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *