• 22/09/2020
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Biscotti Nutella
0 Comments

Ferrero lancia i Nutella Biscuits, il nuovo prodotto con cui il gruppo alimentare di Alba punta al primato sul mercato dei biscotti, sfidando il Mulino Bianco di Barilla. Un investimento di oltre 120 milioni e 150 nuove assunzioni a Balvano, in Basilicata, dopo 10 anni di test.

“Ci aspettiamo che Nutella Biscuits diventi il biscotto più venduto in Italia, con oltre 25 milioni di sacchetti venduti che entreranno in 7 milioni di famiglie” – afferma Alessandro d’Este, presidente e amministratore delegato di Ferrero Italia – Tanta sicurezza nasce dal fatto che sono 10 anni che lavoriamo a questo biscotto. La filosofia di Ferrero è nota: testare e ritestare il prodotto. Non partiamo mai dal costo, tutta l’attenzione è rivolta ai consumatori”.

In Francia la scommessa è già vinta: lanciato ad aprile sul mercato, Nutella Biscuits oggi è il primo biscotto d’Oltralpe. Dietro al successo ci sono innovazione e tecnologia, sempre più necessarie anche in un prodotto alimentare. “A Balvano, che diventerà la fabbrica dei biscotti per tutta l’Europa, abbiamo realizzato una linea altamente tecnologica e d’avanguardia, con un futuristico sistema di intelligenza artificiale, per un controllo capillare della qualità di prodotto”, spiega d’Este.

Dopo l’espansione all’estero, con 4 importanti acquisizioni negli ultimi 3 anni, tra cui i dolciumi di Nestlé e i biscotti e gli snack di Kellogg’s negli Usa, il lancio di Nutella Biscuits segna un’altra svolta nell’ evoluzione strategica del gruppo di Alba. “L’obiettivo è diventare ancora più grandi”, sostiene d’Este. Anticipando che Ferrero crescerà ancora, e continuerà a puntare sull ’innovazione: “Abbiamo 4 centri di Ricerca e sviluppo in Italia, Lussemburgo, New York e Singapore. Negli ultimi 8 anni abbiamo investito un miliardo in impianti soltanto in Italia, dove abbiamo 4 poli produttivi (Alba, Pozzuolo Martesana, Sant’ Angelo dei Lombardi e Balvano), e 600 persone che si occupano dello sviluppo prodotti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *