• 19/09/2020
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Qualità della Vita (Milano)
0 Comments

Nella classifica Qualità della vita stilata dal Sole 24 Ore (come ogni anno dal 1990), spicca ancora una volta un desolante divario tra Nord e Sud. Rispetto agli scorsi anni, gli indicatori di cui si è tenuto conto per stilare la graduatoria sono passati da 42 a 90, divisi in sei macroaree: “Ricchezza e Consumi”, “Ambiente e Servizi”, “Giustizia e Sicurezza”, “Affari e Lavoro”, “Demografia e Società”, “Cultura e Tempo libero”. Tra i nuovi fattori presi in esame quest’anno anche i valori di indebitamento delle famiglie, un indice del clima, le violenze sessuali e le estorsioni denunciate.

Qualità della vita (Verona)Come nel 2018, la città, dove si vive meglio è Milano, seguita ancora da Bolzano. Ha perso invece il terzo posto Aosta, sorpassata da Trento. Notevole balzo in avanti per la provincia di Monza e Brianza, ora sesta (+17), mentre Verona guadagna sette posizioni e arriva al settimo posto. Migliora di tre posizioni anche Roma, 18esima. A confermare il forte divario tra Nord e Sud c’è la coda della classifica, tutta occupata da province del Sud (ultima Caltanisetta), anche su base regionale dove in fondo troviamo Calabria e Sicilia. Unico dato confortante quello di Napoli e Bari, rispettivamente 81esima e 67esima, che però guadagnano 13 e 10 posizioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *